• 1
  • 2
  • 3

Ghiandaia

La Ghiandaia è lunga circa 34 centimetri per un’apertura alare di circa 53 centimetri e un peso che può raggiungere i 170 grammi. La livrea si presenta nelle tonalità del rosso-marrone, mentre le penne delle ali si mostrano blu chiare, contornate di nero. Quando è in volo, è ben visibile anche il dorso, completamente bianco. Pur essendo in grado, in particolari condizioni, di compiere grandi distanze, non si tratta di una specie gregaria: vola infatti preferibilmente solitaria o in piccoli gruppi, a grande distanza l’uno dall’altro, quasi mai in stormi numerosi.

Moretta

La Moretta è un’anatra lunga circa 40 cm che, similmente ad altre anatre del genere Aythya, può occupare corpi idrici con acque molto profonde, nelle quali si immerge fino a 5 o 6 metri di profondità. Come accade anche per altre specie di Anatidi, la differenza cromatica tra i maschi e le femmine di Moretta è molto accentuata. Il maschio adulto ha un colore nero brillante, con riflessi violetti sulla parte superiore del piumaggio, ventre e petto bianchi. Il nome scientifico della specie deriva proprio dal colore scuro e cinereo del suo corpo: “fuligo”, cioè cenere. La femmina è invece di colore bruno, che sfuma sui fianchi. Le iridi sono gialle e vivide, le zampe grigiastre.

Germano Reale

L’Anas platyrhynchos trascorre gran parte della giornata sull’acqua e si spinge sulla terraferma solo per la nidificazione o per riposare. I suoi ambienti prediletti sono dunque quelli che presentano specchi o corsi d’acqua tranquilli – paludi, stagni, laghi e fiumi – circondati da porzioni di terreno sufficienti per sistemarvi il nido e sorvegliarlo. Assai marcate sono le differenze tra i sessi per quanto riguarda la colorazione del piumaggio. Il maschio ha testa e collo di un bel verde scuro – ma brillante – e un sottile collare bianco che sottolinea il contrasto con il nero del petto. Anche la coda è scura, con sfumature grigie e qualche tratto bianco. Il resto del corpo è grigio brillante, con riflessi argentati e altri più scuri. La femmina, al contrario, è in prevalenza bruna, con una varietà di sfumature dal beige al marrone.

Cormorano

Il Cormorano presenta un corpo lungo e affusolato di colore nero. Il suo robusto becco ha una caratteristica forma a uncino; grazie a un lungo ed elastico collo a forma di “S” riesce a nutrirsi di pesci, fagocitandoli direttamente nell’esofago. Questa specie spesso raggiunge grandi dimensioni: la lunghezza può variare da 79 a 102 cm e l’apertura alare da 121 a 160 cm. Il peso va da 1,5 finanche a 5,3 kg. Per distinguere i più giovani della specie, basta osservare il colore del piumaggio che, prima del raggiungimento dell’età adulta, ha una tonalità marroncina.

Poiana

Dalla forma compatta, la specie misura 57 cm di lunghezza e presenta ali ampie e arrotondate, la cui apertura può raggiungere i 130 cm. La Poiana è un ottimo predatore: anche se vive in ambienti boschivi, solitamente caccia in territori aperti, e si nutre prevalentemente di piccoli mammiferi. La specie è inoltre necrofaga (si nutre cioè di carogne di altri animali). Osservandola in volo si nota un profilo frontale a forma di V aperta, delineato dalla testa incassata tra le spalle e dalle ali aperte, leggermente rialzate rispetto al resto del corpo. Il piumaggio presenta un colorazione bruno scuro che prevale nella parte superiore e nella superficie inferiore delle ali. Quest’ultima area del corpo si presenta barrata di sfumature nerastre, con una macchia scura al polso e un’area chiara che sfuma verso il centro. La coda è anch’essa caratterizzata da numerose barre sottili e scure.

Cinciallegra

La cinciallegra (Parus major) è lunga circa 15 cm ed ha un piumaggio verdastro nelle parti superiori e giallastro in quelle inferiori, il vertice e la gola sono nere, le guance bianche ed una striscia nera longitudinale attraversa l’addome. Molto attiva, curiosa e allegra, la cinciallegra scende di rado al suolo. Il suo canto è semplice, ma non sgradevole, e le sue note sono limpide e chiare come suoni di campanelli. Nonostante abbia un’indole socievole si dimostra poco tollerante con gli altri uccelli. Si è assistito ad episodi in cui un esemplare debole o malato fosse assalito e maltrattato a morte da un suo simile. Non di rado attacca anche uccelli di dimensioni maggiori, ai quali può provocare gravissimi danni assalendoli di sorpresa nel tentativo di fratturare loro il cranio con il becco. Caratteristico risulta il suo continuo svolazzare tra i rami e l’appendersi a testa in giù per beccare formiche e pidocchi delle piante lungo i rami.

Picchio Muratore

Il picchio muratore (Sitta europaea, Linnaeus 1758) è un uccello passeriforme, di circa 14 cm di lunghezza per 22-25 g di peso. Al contrario di quello che può suggerire il suo nome, non appartiene alla famiglia dei picchi. La riproduzione inizia ad Aprile ed il nido viene costruito nelle cavità resistenti di alberi o muri. Se il foro d’ingresso risulta essere troppo grande, il Picchio muratore lo riduce di dimensioni, applicando un impasto di fango e saliva che una volta secco risulta essere molto resistente (da cui deriva la seconda parte del suo nome).

Scoiattolo

Lo scoiattolo è un mammifero, roditore appartenente alla famiglia degli Sciuridi. Gli scoiattoli hanno una lunghezza compresa tra i 20 e i 50 cm, posseggono una appariscente coda lunga, piatta e ricoperta da un abbondante e folto pelo. Lo scoiattolo ha due grandi occhi, zampe anteriori con 4 dita e quelle posteriori invece con 5 dita munite di unghiette acuminate che usa per arrampicarsi sulle cortecce degli alberi.

Lepre

Le lepri sono abbastanza simili ai conigli, tuttavia hanno alcuni caratteri morfologici e etologici che le distinguono nettamente dal resto della famiglia. Sotto l’aspetto morfologico, le lepri hanno in generale orecchie più lunghe del capo e occhi proporzionalmente più grandi, sono di maggiori dimensioni (piede lungo più di 9 cm) e le estremità delle orecchie sono in genere più scure.

Cinghiale

Il cinghiale (Sus scrofa) è uno degli animali caratteristici del parco; frequentatore di boschi e di ampie radure si nutre di tuberi, radici e ghiande che trova in gran quantità nelle nei sottoboschi e sotto le querce caratteristiche del percorso Trent Jones Sr.. I cinghiali sono animali sociali che vivono in gruppi composti dai piccoli e dalle femmine, mentre i maschi adulti vivono solitari e si ricongiungono al gruppo solo nei periodi dell’accoppiamento.

Cervo

Il cervo (Cervus elaphus) è l’ungulato caratteristico del parco de “La Mandria”; la passione per l’arte venatoria da parte dei Savoia e la successiva istituzione della riserva di caccia hanno permesso la conservazione sino ai giorni nostri di una consistente popolazione all’interno del parco. Ѐ un animale sociale che vive in branchi costituiti da femmine guidate da una femmina anziana mentre i maschi adulti vivono in piccoli branchi o in solitudine.

Ultime notizie

Campionato Nazionale Assoluto Maschile a Squadre: secondo posto per la squadra del Royal Park I Roveri

Campionato Nazionale Assoluto Maschile a Squadre: secondo posto per la squadra del Royal Park I Roveri

Approfondimenti

APERTURA SETTIMANA 24 APRILE - 1 MAGGIO

Approfondimenti

Royal Park I Roveri, B2B Day 2017 al Saint - Vincent Resort & Casino

Approfondimenti

Partners

  • acqua-panna
  • between
  • cleveland
  • cnh
  • dott-nicola-farmacista
  • ds21
  • galileo
  • gobino
  • hublot
  • italiand
  • kappa
  • kitchenaind
  • lapresse
  • mediandmore
  • moglia
  • panasonic
  • pignatelli
  • pramerica
  • proviti
  • relaissanmaurizio
  • roleto
  • sadem
  • saint-vincent-resort-casino
  • san-pellegrino
  • sda
  • srixon
  • suzuki
  • technogym
  • unopiu
  • xxio

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione.

Chiudendo questo banner o cliccando su "Approvo" acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul link a fianco. Per saperne di piu'

Approvo